Skip to content

Vino e blog: l’opinione di Robert M. Parker Jr.

13 gennaio 2010

Vino e tecnologia, tradizione ed innovazione: mai come nel vino l’unione ha le potenzialità per fare la differenza. L’invito di Robert M. Parker Jr. al blogging responsabile e ad una  maggiore comunicazione tra produttori e consumatori.

Robert M. Parker Jr

I blog del wine and food sono entrati a far parte della quotidianità da molto tempo ormai; il loro numero è impossibile da quantificare, oltre che in continuo incremento a ritmo esponenziale, anche grazie alla disponibilità di piattaforme gratuite.

I miei gusti personali mi fanno prediligere la scelta di chi scrive con consapevolezza ma senza prendersi troppo sul serio. Non amo l’utilizzo degli strumenti web 2.0 per il chit chat, mi piace leggere e trovare contenuti, qualcosa di nuovo da conoscere e scoprire. Per rispetto del tempo di chi legge, oltre che di quello di chi scrive.

Ho trovato molto interessante l’intervista del famoso blog iberico  Catavino a Mr. Robert M. Parker Jr. – definito the most powerful voice in the wine world – sulla funzione dei blog per il settore vitivinicolo e sull’importanza della comunicazione diretta con il consumatore.

Il blog iberico Catavino

Robert Parker, che ha incominciato la sua carriera come appassionato di vini ed ha imparato molto dall’esperienza diretta sul campo  – per questo è da alcuni considerato in un certo senso il primo blogger del vino – ha fatto un preciso richiamo all’etica ed al giornalismo responsabile come primo impegno di ogni blogger. “Un buon blog deve poter contare su scrittori coscienziosi, che fanno ricerche e testimoniano opinioni dopo essersi informati” afferma Robert Parker. “Le persone vogliono commenti personali, ma anche equità, equilibrio ed informazioni accurate“.

Robert Parker ha poi messo in luce la necessità per le aziende produttrici di vino di migliorare l’interattività e la comunicazione diretta con i consumatori, invitandole  a raccogliere informazioni utili e feedback direttamente dal pubblico.

Condivido in toto il messaggio di Rober Parker. Vino e cibo non sono solo un interessante passatempo per appassionati, ma rappresentano anche un settore economico costituito da un universo di aziende e di business  che richiedono investimenti importanti,  e meritano di essere trattati con professionalità ed equilibrio, sapendo prescindere dai pareri emozionali.

L’invito ai  produttori all’ascolto poi è quanto mai opportuno, forse a maggior ragione in Italia, dove spesso si dimentica che è il consumatore il protagonista del mercato che, alla fine di tutte le considerazioni, acquista e consuma il vino. Forse varrebbe la pena tenerne conto.

About these ads
2 commenti leave one →
  1. wineup permalink
    13 gennaio 2010 13:51

    Ti ringrazio, Pamela, del commento. Molto interessante anche poichè viene da chi – ogni giorno – si misura con la comunicazione del vino sul campo. Buon lavoro!

    Mi piace

  2. 13 gennaio 2010 13:18

    Assolutamente condivisibile e auspicabile!
    Per comunicare bisogna saper ascoltare…
    Pamela

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: