Skip to content

1 novembre 2010

Il Salone del gusto di Torino è stato un grande momento di assaggi, di laboratori, di studio e di scoperta. Un appuntamento a cui gli appassionati non possono mancare, perchè capita di rado di poter trovare concentrate in un unico luogo tante occasioni per scoprire profumi e sapori di così tanti Paesi diversi del mondo.

Grande laboratorio quello incentrato sul Riesling della zona della Mosella. La Germania mostra qui una profonda simbiosi tra vitigno e terroir, con vigneti differenti e spesso impervi, dove la coltivazione è talvolta un atto coraggioso.

I pendii ripidi e con esposizione a Sud della Mosella e la loro vicinanza al fiume creano un microclima ideale per il Riesling. Le notti fresche, anche in piena estate, mantengono l’acidità caratteristica dell’uva.

Famosi per la loro personalità, elegante ed intensa, e per la spiccata mineralità dovuta in parte anche all’ardesia presente nel suolo, invecchiano non solo bene, ma dire alla grande, dopo aver assaggiato questo Dr. Loosen del 1976.

Nell’immagine dei due bicchieri a confronto si può osservare la differenza tra Riesling Auslese Goldkapsel 1976 e (a sin) e Riesling Auslese 1988 (a dx), mentre l’immagine a 4 mostra anche due Riesling GG del 2009.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: